“CI VUOLE UN FISICO BESTIALE PER RESISTERE AGLI URTI DELLA VITA”
( L. CARBONI)

La realtà in cui viviamo oggi, su tanti fronti, è per la nostra struttura psico-fisica estremamente nuova e di non facile adattamento.

Il “progresso tecnologico”, l’elettronica, la grande diffusione della automobili, il potente sviluppo dei mezzi di comunicazione di massa, l’enorme espansione dell’industria chimica e farmaceutica ha rivoluzionato lo scenario esistenziale in cui viviamo. Ci troviamo in una condizione di vita extra-ordinaria, impensabile solo 50 anni fa e che l’uomo non ha mai vissuto prima. Se i nostri padri o i nostri nonni possono aver sperimentato situazioni di carenza, oggi ci troviamo invece ad affrontare il problema opposto, cioè l’abbondanza con tutti i pro e i contro che questo comporta. E’ vero che oggi metà del genere umano soffre, si ammala e muore per denutrizione e l’altra metà per malnutrizione dovuta a eccesso di cibo ed in particolare di cibo spazzatura di cui i nostri supermercati abbondano. Farine e zuccheri raffinati, grassi idrogenati, cibi transgenici, dolcificanti cancerogeni, additivi, conservanti e quant’altro l’industria chimico-alimentare ci propina. Questo scenario per certi versi anche meraviglioso e stimolante, ci condiziona a vivere a livelli di stress fisico e psichico elevati. L’eccesso di stress fisico e psichico è la vera malattia dominante del nuovo millennio, sia per le condizioni ambientali in cui ci troviamo, che per le abitudini di vita innaturali, che per l’atteggiamento con cui affrontiamo la vita e per i modelli ipercompetitivi che il sistema ci propone.

Mai come in questo periodo ansia e depressione dilagano, anche tra i più piccoli ( pensate che solo negli USA vengono vendute 6 milioni di confezioni di psicofarmaci per bambini ogni anno, che in 10 anni in Inghilterra il consumo di prozac –antidepressivo- è salito da 4 a 20 milioni di confezioni annue e che nel piccolo Friuli, nel primo semestre dell’anno passato, sono state vendute 2 milioni di confezioni di psicofarmaci - circa due confezioni per abitante, bimbi compresi -, nonostante il tenore di vita sia più elevato ed i problemi di mera sopravvivenza siano considerevolmente diminuiti. Siamo continuamente irretiti da falsi bisogni, bombardati a livello mediatico da immagini che alimentano la paura. La qualità dell’aria e dell’acqua è peggiorata e sperimentiamo gli effetti dell’elettrosmog (inquinamento da campi elettromagnetici).

Non è facile restare sani ed equilibrati. L’industria farmaceutica da anni insegue un piano di marketing orientato ad avere una popolazione dalla vita lunga e malaticcia e si può dire che sta riuscendo nel suo intento. Le mucche impazziscono, i polli si influenzano, l’ozono è bucato. Come sopravvivere in questo scenario? Come riuscire a gestire tutto questo stress psico-fisico senza farci sopraffare? Questa secondo me è la vera sfida dell’uomo contemporaneo: adattarsi ed evolvere all’interno di questo sistema!

E’ necessario quindi, non solo desiderabile,  sviluppare una cultura ed un insieme di strategie integrate per favorire il ben-essere, la salute e la crescita individuale, familiare, sociale e professionale secondo un’ottica etica ed ecologica. Bisogna imparare a riconoscere e selezionare i nutrimenti ottimali di cui necessitiamo realmente, ed aumentare la centratura, le capacità di ascolto e di comprensione dei nostri più intimi bisogni e desideri, a livello del corpo, del cuore, dell’intelletto e della nostra interiorità.

Bisogna essere in grado di scaricare le tensioni, di purificarsi, di decondizionarsi dallo stress, dalla paura, dalla colpa e dalle tossine fisiche e psichiche che inevitabilmente accumuliamo. Allenarci a coltivare il positivo, nel concreto, con fiducia e con amore per sé, gli altri e la vita.

Questi sono i principi dell’eucito e dell’eupsico trofismo dell’H.Q.I., cioè la corretta nutrizione e la adeguata evacuazione sul piano organico e su quello psichico per consentire alla qualità di vita che ci contraddistingue di esprimersi e di estrinsecarsi al meglio.

Di questo si occupa da anni il nostro Centro e la nostra Associazione. Attraverso conferenze, convegni, seminari, pubblicazioni e incontri di vario genere ci stiamo impegnando a divulgare conoscenze ed a fornire strumenti concreti per lo sviluppo integrato dell’essere e per permettere ad ognuno di sentirsi supportato e sostenuto in questo scenario evolutivo così affascinate, difficile e complesso.

Per questa estate oltre alle vacanze, che vi auguro serene e rigeneranti, abbiamo ancora molte attività importanti di cui Vi parleremo in questo numero. C’è il raduno per chi ha già fatto il S.U.N. a Giugno, un’importante opportunità per ritrovarci e rivivere la magica atmosfera di questo speciale percorso che dal 20 al 27 Agosto riproporremo questa volta in Cansiglio .

Se volete farVi un regalo vero, prenotatevi in tempo per frequentarlo o per rifarlo: i posti quest’anno sono limitati.

A luglio siamo tutti insieme a Preone con l’I.S.P. Poi ci sono gli Elfi che a fine mese si ritroveranno tra i monti della Carnia, per una settimana all’insegna della natura, del gioco e del crescere insieme. L’attività prosegue con entusiasmo.

 

Buona estate e che Dio ci benedica.

 

Dott. Gianluigi Giacconi




Powered by Joomla! and GestioneInternet
© 2010 Centro di Salute Integrata P.iva 01824400301